"Allatti finché vuole e dica pure che l'ho prescritto io: la pediatra!"

Per la rassegna io allatto alla luce del sole 3, un'esperienza di allattamento sostenuta dalla pediatra... cosa che in genere, purtroppo, non accade di frequente.

***

La mia esperienza d’allattamento nasce senza programmazione e da una mia inconscia certezza nel non desiderar fare entrare in casa un biberon fintanto che non si fosse reso assolutamente necessario.
Fino ad oggi, Giacomo ha 15 mesi, non è servito.

Questa mia decisione mi ha senz’altro aiutata nel percorso che ho iniziato ed ho portato avanti, probabilmente se avessi avuto un biberon a disposizione, nella società del biberon... quasi tutti, ne sono certa, mi avrebbero consigliata (senza richieste) di farlo poppare qualche volta con il biberon, per riposarmi, per svagarmi e con tutte le più buone intenzioni, senza dubbio.

Sarei certamente stata più agitata, più infastidita da quest’invasione di consigli, dalle nonne che volevano strapparmi il piccolo per farlo poppare… ci hanno provato anche con la scusa di dargli dell’acqua ma con ostentata sicurezza rispondevo di somministrargli l’acqua con un cucchiaino se vedevano Giacomo molto assetato in mia assenza (in un distacco di un’ora al massimo) in quanto il mio latte lo dissetava a sufficienza.

Il rapporto con mio figlio è partito nel migliore dei modi e anche io mi sono sentita più tranquilla perché ero io stessa ad aver bisogno di lui, di toccarlo, di tenerlo stretto a me, penso sia innato il senso di attaccamento che una mamma sente, rammento sempre quando la mia cagnolina Diana faceva i piccoli e si risentiva se li toccavi, io mi sentivo un po’ allo stesso modo.

Il mio obiettivo, come raccomandatomi dalla pediatra, era raggiungere i 6 mesi, mi aveva detto che la raccomandazione era “fortemente consigliata” nei paesi dove non c’è da mangiare, nel nostro non ci sono problemi, i bambini trovano cosa mangiare se non mangiano più il latte di mamma … a quattro mesi e mezzo circa, con i primi assaggi, andai al consultorio per pesare Giacomo e chiedere delucidazioni su come iniziare lo svezzamento.
La persona che incontrai mi chiese se fossi in procinto di rientrare al lavoro ed io risposi che sì, ai 6 mesi con ogni probabilità sarei rientrata pertanto mi consigliò di “saltare” la poppata del pranzo e solo se proprio il bimbo lo manifestava, porgere il seno post pranzo.
A 6 mesi andai al controllo dalla pediatra che con occhi sgranati mi disse che il latte doveva sempre essere il pasto principale e poi gli assaggi, quando le comunicai che a darmi l’indicazione era stata una sua collaboratrice mi rispose sconsolata che le avrebbe tirato le orecchie e rispiegato per bene il tutto. Considerando la mia PROPENSIONE all’allattamento mi sostenne ed incitò nel proseguire su questa strada.

A posteriori, senza voler difendere le iniziali parole della pediatra considero che evidentemente la sua posizione pro-allattamento a volte viene vista “male” pertanto dimostra il suo pensiero a tutti gli effetti solo alle mamme realmente consapevoli e sicure di ciò che vogliono fare. All’ultimo controllo dei 12 mesi mi ha detto queste parole: Michela continui ad allattare anche fino a cinque anni e se esasperata da qualcuno che la guarda storto risponda pure che è una prescrizione della sua pediatra!

Nel corso di questi mesi mi sono documentata sulla tematica allattamento per rendere assolutamente certe le mie già forti convinzioni, ho letto diversi libri che non hanno fatto altro che riconfermare le mie sensazioni, la figura delle madri che allattano vista come degli animali da circo e che senz’altro, prima di viverla, anch’io consideravo così perché la nostra società non è più abituata a ciò che per logica è il comportamento più naturale, abbiamo bisogno di un sacco di accessori, di renderei bimbi indipendenti, di tornare in forma come se non fossimo diventate madri.

La giornata tipo di Giacomo e mamma Michela, da quando Giacomo aveva 9 mesi, inizia, dopo uno o più risvegli notturni, con la poppata delle 7; lui continua a far nanna sino alle 8.30 – 9.00, salutiamo papà ed i nonni paterni che abitano sotto a noi, partiamo per andare verso casa dei nonni materni che abitano vicino al mio posto di lavoro (15 km), ci facciamo le coccole con poppata. Tanti baci e io vado al lavoro. Alle 13.15/13.30 rientro, Giacomo mi aspetta al parcheggio e si aggrappa come una scimmietta e ancora oggi, quasi sempre si attacca immediatamente al seno. In casa dei nonni mi fa compagnia mentre mangiamo, lui ha già mangiato la sua pappa e poi lo accompagno a far nanna e finiamo la poppata. Io riparto in ufficio e al mio rientro nuova poppata, nuove coccole e rientro verso casa per cena con papà.

Certamente avrei potuto optare, come fanno in molte mamme, per spremere il latte e consegnare il pupetto alle nonne per le ore di lavoro ma considerando la possibilità di avere un orario molto “elastico”, quindi un datore di lavoro molto “elastico” e di ampie vedute ho ritenuto di continuare così e sino a quando Giacomo vorrà la “nena”, come dice lui, anche a pranzo… proseguiamo.

Michela – mamma di Giacomo Marco, 15 mesi.

Se volete parlare di allattamento e lavoro, vi invitiamo nel nostro salotto delle conversazioni: Forum sezione di allattamento

Questo post partecipa a 

io-allatto3 125

Vi ricordiamo di partecipare a Io allatto alla luce del Sole 3 è un modo per sostenere l'allattamento come situazione normale.

Articoli correlati (da tag)

Aggiungi commento


Commenti   

Donatella
+2 # Donatella 2012-07-06 14:27
Complimenti per l'energia, che bellezza avere una pediatra così avanguardista, si' perché la maggior parte sono del tipo signora allatta ancora? Ma io direi che e' ora di smettere detto a 9 mesi, poi a 18 poi a 24 e ora faccio finta di niente, anzi un giorno magari le risponderò pure a tono. Ora mia figlia ha 2 anni e mezzo compiuti e ciuccia ancora ma non le conto le volte, che senso ha? Quando provo a darle il latte comprato lei ne beve un po' e poi mi dice " adesso latte dea mamma tanto buono!" effettivamente sono un po' stanca ma penso che alla fine mi mancherà la sua piccola boccuccia su di me e il suo sguardo innamorato della sua mamma. Bella la tua storia continua finche' puoi, speriamo che non ci chiedano l'ultima ciucciatina prima del primo giorno di scuola!! Un affettuoso saluto da mamma a mamma;)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
bimbiuniverse
+1 # bimbiuniverse 2012-07-11 08:42
che bella questa testimonianza e che brava la tua pediatra! Mia figlia di mesi ne ha 31 e continua a prendere la sua Titti, più o meno a richiesta. L'altro giorno ho "confessato" questa cosa al pediatra dicendogli che forse dovrei iniziare a smettere data l'età della bimba e le pressioni esterne (so già che verrò sgridata dal ginecologo che non approva questo allattamento prolungato)e lui si è messo a ridere e ha fatto qualche battutina a Pupa: guarda che se prendi la tetta della mamma non trovi il fidanzato....e poi mi ha detto stia serena signora prima o pi si staccherà!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Lauracrobata
0 # Lauracrobata 2012-07-11 09:08
infatti allatto il mio bambino di 15 mesi ma sono assolutamente non concorde sul fatto che debba essere sclusivo in modo prolungato... a me l'inserimento della pappa di mezzogiorno (come indicato dalla persona del consultorio) mi ha permesso di proseguire l'allattamento anche durante il lavoro. Magari lei non sapeva dei tuoi orari elastici e cercava di tutelare la famosa possibilità di allattare e lavorare senza problemi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Chiara
+1 # Chiara 2012-10-14 20:22
Grazie di esistere,mi sento meno aliena in un mondo di plastica!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

adsense_correlati

www.GenitoriChannel.it è gestito da Ta-Daaa! Srl - Via Fratelli Rosselli 6 20090 Trezzano sul Naviglio (MI) P.Iva e CF 06936140968

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.