Famiglia All'Improvviso: per ridere, commuoversi ed esser felici

Famiglia All'Improvviso: per ridere, commuoversi ed esser felici

 Famiglia all'improvviso – Istruzioni non Incluse è un film bellissimo!

Dipendenza da cellulare e ragazzi: la app che ci viene in aiuto

Dipendenza da cellulare e ragazzi: la app che ci viene…

La metà dei bambini sotto i 10 anni possiede un cellulare, i ragazzini delle medie sono quasi tutti dotati di cellulare.

Giovedì, 24 Gennaio 2013 09:09

L'autosvezzamento è possibile?

prime pappe prime pappe centopercentomamma

La domanda "come si faceva 100 anni fa?" mi è sempre rimbalzata in testa. Non posso immaginare un'attenzione così maniacale in famiglie con 8 o 10 figli. Ho poi capito che lo svezzamento tradizionale non è l'unico modo per introdurre un'alimentazione basata sui cibi solidi.

E ho voluto saperne di più. Il pediatra non era d'accordo con i miei esperimenti e in più occasioni ha rimarcato l'importanza dell'introduzione graduale dei cibi, per tipologia e attraverso l'uso di pappe complete di tutto.

La mia prima figlia è stata svezzata con il metodo classico a 6 mesi. Tutto è andato liscio, ma il suo interesse per il cibo "dei grandi" veniva represso di continuo.

Con la seconda bambina, mi sono informata e ho imparato molte cose sull'autosvezzamento. Ho letto "Io mi svezzo da solo" di Lucio Piermarini e ho capito che era il metodo adatto a noi.

A 5 mesi Cecilia mostrava grande interesse per il cibo che mangiavamo noi e ho iniziato a farle sentire i gusti degli alimenti più semplici. Dopo qualche tempo, la pappa che era nei nostri piatti finiva nel suo. Lei assaggiava tutto, senza mai perdere la sua poppata. La pasta al pomodoro che preparavo per noi veniva frullata e data anche a lei, il passato di verdure, il polpettone, tutto ciò che mangiava Sofia (che all'epoca aveva due anni) veniva proposto anche a Cecilia.

Gradualmente Cecilia ha abbandonato il latte ed ha preferito il cibo, a pranzo e a cena. Non l'ho mai vista piangere a tavola, né procurarsi il vomito. Non l'ho mai vista rifiutare il cibo né distrarsi con giochi pur di non mangiare.

E' stato un viaggio graduale e naturale, che l'ha portata ad essere - a 10 mesi - autonoma nel mangiare e aperta ai nuovi sapori.

Ora sono passati due anni da quell'esperienza e posso fare alcune considerazioni basate sulla pratica che ho fatto dei due modi di svezzare i bambini. La premessa è che non so quanto il metodo abbia influito sul formarsi delle modalità di alimentazione delle mie figlie o quanto abbia fatto la loro predisposizione naturale.

Fatto sta che Sofia, la maggiore, è diffidente verso le novità, ancorata ai suoi piatti preferiti e restia a cambiare. Cecilia è una sperimentatrice, ama i gusti decisi e assaggia anche ciò che ha un aspetto particolare e la cui composizione non è chiara. Ha un approccio giocoso e solare al cibo, vive la vera convivialità a tavola e quando mangia è di buon umore.

Come dicevo, non so quanto l'autosvezzamento abbia influito sull'insegnarle a mangiare, ma in cuor mio spero di essere stata una delle fautrici di questo successo.

 

Come avvicinarsi all'autosvezzamento

  1. La famiglia consuma cibi sani e cucinati in casa: questa è una discriminante importante per non dare al bambino cibi poco salutari;
  2. Si mangia tutti insieme: ciò implica che mamma e papà debbano aiutare il piccolo a mangiare in contemporanea con il loro pasto - a volte mangeranno tutto freddo!
  3. La pazienza non manca: può capitare che il bambino non voglia mangiare ciò che si è preparato e che si debba optare per il seno a metà di un pranzo.
  4. L'informazione, il confronto con il pediatra e la lettura dei testi base dell'autosvezzamento sono fondamentali per capirne i principi e affrontarlo nel modo più sereno e consapevole possibile.
  5. Spesso, per adottare queso metodo è importante confrontarsi con chi lo utilizza, consigliamo il sito autosvezzamento.it per approfondimenti

 

Di Cristiana Calilli

Cento per cento Mamma

Video

Aggiungi commento


Commenti   

0 # elisa 2013-10-11 08:19
interessantissi mo! ho partecipato ieri ad un corso di svezzamento naturale che penso integrerò con l'autosvezzamento.
anche io sto leggendo "io mi svezzo da solo"
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Barbara Motolese 2013-10-12 06:43
Anch'io ho integrato le due cose, non tanto con la prima figlia che da questo punto di vista era veramente "facile" ma con il piccolo che ha avuto più problemi a passare ai cibi solidi proprio per la loro diversa consistenza.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # b 2013-10-31 11:59
bb
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.