Allattamento

Allattamento

In occidente i genitori sono sfiancati dai "capricci" dei bambini tanto che è stata coniata la parola "terrible two" che indica quella fase di crescita che va dai 2 ai 3 anni caratterizzata da crisi continue, no urlati a squarciagola, pianti disperati per ogni limitazione imposta, ecc.

Combattere l’obesità infantile favorendo l’allattamento al seno: è questa l’ultima iniziativa che Michelle Obama si accinge a lanciare, chiedendo che vengano rimossi tutti gli ostacoli che oggi impediscono alle donne di allattare.

Mercoledì abbiamo pubblicato una bella testimonianza di una mamma dal titolo: "Non ho allattato e lui forse e' più felice". Oggi pubblichiamo la risposta di una delle nostre lettrici, Martina, consulente professionale di allattamento, che dice "Non esistono mamme migliori di altre per un motivo o per un altro, chi fa passare questo messaggio non ha capito niente. Chi di noi pensa di poter essere un giudice e poter giudicare qualcun'altro per la situazione in cui si è trovato??"

La testimonianza di una mamma il cui allattamento si è interrotto quasi subito dopo la nascita, Francesca ci racconta come spesso è doloroso convivere con il fatto che non si sia potuto allattare, e che andrebbe raccontato anche quanto è duro e a volte controproducente essere esposti al messaggio "chiunque può allattare".

Riportiamo un urgente appello dell'IBFAN (International Baby Food Action Network), per bloccare il parere positivo dell'autorità europea alla possibilità per le case produttrici di latte artificiale di utilizzare lo slogan (claim), fuorviante e non corroborato da evidenze scientifiche, che il latte artificiale addizionato di DHA (un acido presente nel latte materno) favorisce lo sviluppo cognitivo e la vista dei bimbi. Occorre agire entro martedì 8 febbraio 2011.

Abbiamo tradotto per voi questa splendida testimonianza scritta da Claire sul sito inglese InCultureParent. Una mamma africana, che vive da anni in inghilterra, racconta la sua esperienza dei primi 6 mesi di vita di sua figlia, alla riscoperta della saggezza dell’intuito nelle sue radici. Una lettura che fa riflettere e che ci lascia con una regola: il bimbo e’ il manuale di cui disponiamo per essere genitori.

Troppe poppate fanno male - la risposta della psicologa all' "esperto pediatra" che parla sulla Stampa (15 gennaio).

di Alessandra Bortolotti

Venerdì 14 gennaio 2001 il British Medical Journal ha pubblicato un articolo che mette in dubbio la raccomandazione dell'OMS di allattare esclusivamente al seno per 6 mesi.

 Prima di diventare padre non mi ero ovviamente mai posto il problema; lo sentivo lontano e comunque già "sapevo" che sarebbe stato un problema di quella disgraziata che avrei trovato sulla mia strada e che sarebbe diventata, se non mia moglie, la madre dei miei figli.

Trovato la santa con vocazione al martirio che ha deciso di sposarmi è arrivato anche il primo figlio e quando Chiara ha avuto problemi ad allattare, a me sembrava del tutto normale passare al latte in polvere... non vedevo proprio il problema.

Ricorderò per tutta la vita una notte, come sempre un sabato notte..., con il bambino che piangeva affamato, mia moglie che piangeva dal dolore; avrei voluto andare davvero in farmacia a prendere del latte in polvere ma Chiara si oppose e piangendo continuò ad allattare...

baby pit stop a milanoIn occasione della conferenza stampa di presentazione del primo BabyPitStop - realizzato presso la Clinica Mangiagalli di Milano alla presenza di Amanda Sandrelli, madrina dell’iniziativa - Unicef Italia ha annunciato la decisione di monitorare il rispetto del Codice OMS/Unicef per la commercializzazione dei sostituti del latte materno e degli altri parametri previsti dal progetto.

Nei punti allattamento non sarà infatti possibile offrire alle madri volantini, opuscoli, omaggi, riviste o cartoline per ricevere regali che abbiano a che fare con i prodotti sopra indicati. Allo stesso modo, non si potranno affiggere poster o altri oggetti di arredamento con loghi e marchi di ditte che producono sostituti del latte materno, biberon e tettarelle, n é tali prodotti potranno essere esposti o donati alle mamme che si fermano ad allattare.

In occasione della SAM 2010 (settimana mondiale dell'allattamento 2010), desideriamo segnalare un sito molto bello e utile: www.allattamentoschisi.org.

E' il sito è di Regina Masaracchia, infermiera professionale, IBCLC, mamma di 3 figli, uno di questi nato con palatoschisi, ovvero con un'incompleta formazione del palato duro, che si presenta con una fenditura (una caratteristica che spesso e' nota con il termine improprio di "labbro leporino"). Questa caratteristica è diffusa all'incirca su 1 bambino ogni 1.000.

Si è aperta il 1 ottobre la SAM 2010, Settimana Mondiale dell'Allattamento. Per celebrarla desideriamo proporvi una video-intervista inedita, fatta da Genitori Channel e dalla giornalista Giorgia Cozza ad Ibu Robin Lim, la nota "ostetrica scalza" vincitrice del premio Alexander Lange 2006.

Con l'esperienza e la dolcezza che la contraddistinguono, Ibu Robin dice che tutte le madri vogliono il meglio per i loro figli, chi sceglie il latte artificiale non è “venuta meno" a suo figlio, perchè ama suo figlio, sono, se mai, la società, i medici, la famiglia, che sono "venuti meno" a quella madre, che non ha bisogno di atteggiamenti giudicanti, bensì di amore e supporto.

Godetevi questo stralcio di video intervista

Intervista a Ibu Robin Lim - una madre che non ha allattato è una mamma che è stata lasciata da sola dalla società 

{youtube}AIZhR07Kclg{/youtube}

 

 

E' indispensabile riportare questa testimonianza di Chiara Pozzi Perteghella, perchè la notizia non può passare inosservata: le viene impedito di tenere con sè, per poterlo allattare a richiesta, il figlio di 3 mesi, mentre sostiene un esame di abilitazione a diventare consulente di allattamento IBCLC....

Gli USA e la loro fobia per l'allattamento in pubblico sono già tra noi?

Il Codacons ha deciso di presentare un esposto all'Antitrust relativamente al Congresso Nazionale della FIMP (Federazione Italiana Medici Pediatri) in programma il prossimo ottobre a Firenze.

Al centro dell'attenzione dell'associazione, il rapporto che lega la categoria dei pediatri a due note multinazionali specializzate in prodotti per bambini, Nestlè e Nutribèn. Si apprende infatti dal programma del Congresso della Fimp, che nel corso dell'incontro verranno assegnati due premi in denaro: il "Premio Nutribèn' e il "Nestlè Nutrition Institute Prize 2010 per il Pediatra di Famiglia'.

"Mentre sto facendo pranzo, la donna nel tavolo affianco al mio si mette ad allattare la figlia senza coprirsi, poi mette la bambina sul tavolo e la cambia"

questo il messaggio della modella di Play Boy Kim Kardashian su Twitter, e poi ancora

"Anche mia sorella allatta! E' una cosa bella e naturale, non c'e' niente di male, ma lei si copre, non con le tette in bella mostra!"

sempre su Twitter.

L'allattamento al seno oltre i due anni: il parere di Alessandra Bortolotti, psicologa perinatale, esperto Genitori Channel.

Genitori Channel è orgogliosa di presentare i propri video dedicati all'allattamento all'interno del Canale 'Come si fa?'. Sono video didattici e semplici, realizzati con la consulenza della nostra esperta Katia Micheletti, e sono destinati in primo luogo alle mamme e neomamme alle prese con le prime esperienze di allattamento. In secondo luogo questi video sono utilissimi anche per i professionisti che sostengono e consigliano una mamma in difficoltà. Indicare un video da consultare da casa, può rappresentare un suggerimento importante per sbloccare un momento di ansia o sanare un dubbio pratico. I video del 'Come si fa?- Allattamento' di Genitori Channel mirano a indicare nel concreto i passaggi, i gesti, le soluzioni che consentono il mantenimento di una buona relazione di allattamento, e può risultare poi facile risolvere la maggior parte dei problemi classici riscontrati dalle mamme ai primi mesi.

Pagina 6 di 6

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, gestire la pubblicità e compiere analisi statistica del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.